image1 image2 image3 image4 image5

QR code

Studio Legale Civile

Contatore visite

Visite agli articoli
3046901

Morte per amianto ed Eternit - I parenti hanno diritto al risarcimento del danno - Il nesso eziologico o di causalità

Indice articoli

Eternit e amianto - Risarcimento alle vittime e ai parenti delle vittime di amianto

- Nesso eziologico o di causalità -

Per provare i danni di cui sopra ci si dovrà innanzitutto preoccupare di provare il nesso eziologico o di causalità, ossia la relazione diretta tra causa ed effetto che ha originato la malattia professionale.

Accertato in fatto che il soggetto deceduto è stato esposto alle sostanze presenti sul luogo di lavoro, nonché acquisita tutta la documentazione clinica e eventualmente dell'Inail attestante le cause della morte per mesotelioma pleurico (ma vale tale ragionamento per qualsiasi malattia professionale), ci si dovrà dunque concentrare sulla ricorrenza del nesso di causalità.

Si dovrà ricordare che la Giurisprudenza si è sovente espressa in materia di risarcimento del danno, sostenendo che la prova dell’esposizione di un lavoratore alle fibre di amianto fosse di per sé sufficiente a ritenere sussistente un nesso di causalità tra l’esposizione e la malattia.

Lo Studio Legale De Paola Longhitano di Torino è disponibile a fornire consulenza e assistenza stragiudiziale e giudiziale in materia.

Per contattarci, al cliente sarà possibile compilare il form di contatto o semplicemente prendere appuntamento telefonando al numero 011.3173816.